Ergonomia

Ergonomia

In commercio esistono molte sedute definite dai produttori come ‘ergonomiche’, ma poche, al contrario, possiedono tutte le caratteristiche tecniche fondamentali per garantire una postura corretta.

Acquistando una sedia di queste, non solo saresti in possesso di un prodotto senza evidenze scientifiche a supporto, ma correresti anche il rischio di danneggiare il tuo corpo.

Le sedie Varier sono definite in ambito scientifico (non solo commerciale o normativo) come sedute ergonomiche, come dimostrato da diversi studi e misurazioni in ambito internazionale. Sono inoltre classificate come sedute attive in quanto si adattano al soggetto e permettono la mobilità anche da seduti.

La Divisione Ricerca ed Evidenza Scientifica (DRES) di Varier Italia, avvalendosi della direzione e collaborazione di figure professionali di affermato valore, ha come mission la raccolta e la divulgazione delle pubblicazioni scientifiche esistenti e di promuovere e realizzare ulteriori studi sugli effetti delle sedute in vari ambiti quali quello occupazionale, quotidiano e in soggetti con parziali disabilità o affezioni dolorose.

Con la collaborazione del DRES, è stata realizzata una vera e propria guida all’ergonomia della seduta, con informazioni indispensabili per acquisire la consapevolezza dell’importanza di dove e come ci si siede, nel lavoro, studio e tempo libero.

Puoi consultare e scaricare la guida all’ergonomia nell’area CATALOGHI

In questa area troverai quindi una selezione della letteratura scientifica internazionale, pubblicazioni divulgative, le spiegazioni degli effetti positivi delle differenti sedute Varier, ricerche aziendali e progetti futuri.

Varier è in grado di garantirti e di certificarti tutti i benefici che ti vengono promessi.
Perché Varier può realmente dimostrare quello che dice.

DOMANDE FREQUENTI SULL’UTILIZZO DEI PRODOTTI VARIER – TROVA QUI LE TUE RISPOSTE

Di Dottor Piergiorgio Benaglia – Fisioterapista

Le sedie con appoggio tibiale (Variable, Thatsit, Multi, Wing) possono causare e/o peggiorare disturbi alle ginocchia ?
Gli appoggi tibiali vengono adottati nelle sedie con piano inclinato e consentono di scaricare dal 20 al 30% del carico sugli ischi, migliorando il comfort. Si noti che l’appoggio avviene a livello della tibia, inferiormente all’articolazione del ginocchio, che quindi non risente dell’azione compressiva del peso. Solo in caso di utilizzo da parte di soggetti con arti inferiori molto voluminosi si può verificare la compressione della parte posteriore della gamba a causa dello scarso spazio disponibile per la flessione del ginocchio. Infine, ricordiamo l’importanza di variare spesso la posizione, alternando periodi di appoggio su entrambe le tibie, a periodi con appoggio singolo o con i piedi al suolo.
Le sedie con base oscillante (Variable, Thatsit, Multi, Wing) o con sistema tilting (Actulum e Pendulun) possono essere dannose in caso di problemi alla colonna vertebrale?
Il movimento di oscillazione antero-posteriore evita che il peso gravi costantemente sugli stessi punti della colonna, in particolare sui bordi anteriori dei dischi intervertebrali. La tendenza a cambiare posizione spostandosi in avanti e indietro ripetutamente è infatti un evento spontaneo quando si sta seduti a lungo. Con le sedute attive, cioè con base oscillante (rocking chairs) o con sedile oscillante (tilting chairs) si varia la pressione sulla colonna ma senza assumere posizioni scorrette e dannose.
Le sedute attive, cioè dotate di base oscillante (Actulum, Pendulum, Move, Gravity), sono indicate per gli anziani?
La base oscillante offre ai soggetti anziani numerosi vantaggi e benefici: primo fra tutti favorire l’azioni di alzarsi dalla sedia nei soggetti che per vari motivi sono costretti al ricorso di sostegni, aiuto oppure eseguono il gesto con vari disturbi. Infatti, in questo caso la persona riesce a completare il movimento senza aiuto o sostegni, riducendo quindi i rischi di caduta, e con una netta riduzione del sovraccarico alle anche, alle ginocchia e alle caviglie. Con questo tipo di sedute si consente tuttavia una azione attiva, ovvero non eseguita da apparecchiature elettriche che sollevando il soggetto passivamente finiscono con il tempo per aggravare il suo deficit motorio.
Le sedie con appoggio tibiale (Variable, Thatsit, Multi, Wing) sono consigliate ai pazienti anziani?
La decisione dipende dallo stato funzionale del soggetto: nei casi di grave artrosi con dolore agli arti inferiori, problemi di equilibrio e riduzione della capacità coordinatoria generale si sconsiglia l’adozione di tali sedute, meglio optare per sedie a base oscillante senza appoggio tibiale (Actulum, Pendulum, Move, Gravity).